Chiude il Forum Unasca. Fine di un’epoca( e forse anche di qualcosa d’altro )

riportiamo, senza commenti, il comunicato:

Cari Associati,

 

è con vero dispiacere e sincero rammarico che Vi scrivo la presente per comunicare la sospensione dell’uso della mailing list denominata “forum-studi”.

La decisione, davvero sofferta, si impone perché nelle vesti di Presidente ho il dovere di tutelare la nostra Associazione sotto ogni punto di vista.

È noto a tutti Voi, nello specifico agli utilizzatori del “forum-studi”, che negli ultimi tempi si siano palesate situazioni e discussioni che, purtroppo, nulla hanno a che fare con il dialogo, il confronto, la volontà di scambiarsi informazioni.

Io credo fermamente che gli strumenti di comunicazione, interna o esterna che sia, siano utili, ovvero necessari, per la crescita del singolo e quindi dell’Associazione.

Esiste, però, purtroppo, una comunicazione incapace di rappresentare un momento di crescita e un momento di confronto, ma anzi, proprio perché perniciosa e scorretta, può finire con essere perfino controproducente e dannosa.

Poiché ho il dovere di essere garante per questa Associazione anche negli aspetti strettamente legati al rispetto e alla dignità di ogni singolo Associato, da editore, quindi responsabile del “forum-studi”, ho anche la responsabilità degli aspetti legali di quanto viene scritto, pertanto il Comitato di Presidenza e di Coordinamento, in considerazione anche delle segnalazioni arrivate da numerosi Soci ed in attesa di trovare altre soluzioni informatiche più idonee, ha dovuto prendere questa decisione.

Siamo fiduciosi di poterVi mettere a disposizione quanto prima un sistema più adeguato alle vostre esigenze e, quindi, abbiamo deciso di verificare e studiare la possibilità di creare un blog con regolamento e responsabili in modo tale che non si verifichino più le situazioni sopra indicate.

Mi è gradita l’occasione per inviare cordiali saluti.

 

 

 

Il Presidente

Antonangelo Coni

ognuno tragga le sue considerazioni.

il dialogo, qui, resta aperto…..

4 thoughts on “Chiude il Forum Unasca. Fine di un’epoca( e forse anche di qualcosa d’altro )

  1. Che cambia?
    Dal punto di vista pratico, nulla.
    Dal punto di vista morale ed etico, ancora nulla perché questo atto non modifica il (non) rispetto delle persone.
    Salud
    CB

  2. Questa chiusura, voluta dal presidente Unasca Coni, a mio avviso si configura come un atto di confusione mentale da parte dello stesso Coni per quanto detto durante il Consiglio Nazionale studi di novembre u.s. . Mi sembrava più utile mantenerlo attivo fino al momento dell’apertura del nuovo pargolo.
    saluti
    PS

  3. SONO VERGOGNOSI E INDISPONENTI , E CHI, COME ME, NON HA RICEVUTO NEANCHE LA FAMIGERATA MAIL ?
    STO PREPARANDO UNA COMUNICAZIONE A UNASCA IN MERITO . ( SARA’ TEMPO PERSO ? )
    E IL SILENZIO DELLA SEGRETARIA …??. MAH
    SALUTI
    FC

    1. Di seguito trovate quanto inviato al Comitato di Presidenza, sull’argomento.

      AUTOPRATICHE MOTTA s.a.s. di Roboni Mauro
      Via Gen. Ugo Malagù n° 3
      44124 FERRARA
      P. IVA 00 893 910 380
      tel. 0532/ 91 355
      fax 0532/90 72 40
      cell. 339 28 72 754
      mail : ag.motta@tiscalinet.it

      Spettabile Comitato di Presidenza e Coordinamento

      Ferrara 25/01/2018
      Oggetto: chiusura Forum Studi.

      Lunedì scorso ho appreso della Vostra decisione di chiudere il Forum e confesso che ho trovato questo gesto molto irritante.
      Diversi colleghi, non tutti vicini al mio modo di pensare, mi hanno telefonato sgomenti.
      Durante una breve e cordiale telefonata con il nostro Segretario Nazionale Studi, Ella mi ha riferito che detta decisione era già stata presa in occasione della Direzione Nazionale del 23 ottobre scorso, quindi tre mesi orsono.
      Al Consiglio Nazionale Studi del 2 dicembre scorso, nessun cenno!
      Sorge spontanea la domanda: perché quindi operare il 22 gennaio?
      La risposta la conosco io e la conoscete Voi.
      Avete privato i Vostri associati dell’unico mezzo di scambio di informazioni e di pensiero.
      In questi tre mesi avreste avuto il tempo di preparare l’alternativa che il Presidente ha annunciato nella Sua comunicazione, ma questa è solo un’ipotesi, nemmeno una promessa, quindi conoscendo la Vostra rapidità presumo che il nuovo strumento arriverà forse prima del 2030.
      Appare sempre più chiaro che il concetto di Associazione Vi è sconosciuto, che per Voi l’UNASCA rappresenta una Vostra proprietà.
      Non siete nemmeno stati lungimiranti, fare un’operazione di questa portata proprio nel momento in cui gli associati dovrebbero rinnovare la tessera è sicuramente controproducente.
      Il Presidente Coni, nella Sua lettera, si dichiara dispiaciuto e sinceramente rammaricato di dover chiudere il forum e giusto per non smentirsi, travisa i fatti, Egli infatti non è l’editore, i partecipanti si debbono attenere al regolamento e si assumono la responsabilità di ciò che scrivono.
      Estratto dal regolamento del forum: Ciascun partecipante si impegna espressamente a non inviare messaggi il cui contenuto possa essere considerato falso, diffamatorio, ingiurioso, offensivo, lesivo della privacy delle persone o comunque illecito. Inoltre ciascun partecipante si assume la piena responsabilità penale e civile per il contenuto dei propri messaggi, impegnandosi a sollevare l’associazione UNASCA da ogni responsabilità per ogni danno possa essere lamentato da terzi.

      Poi qualche capoverso più giù entra nel merito, su questa chat sono state scritte delle cose che non sono in linea con il pensiero della Direzione e quindi opera una censura, contravvenendo per l’ennesima volta al rispetto dell’articolo 9.1 che lo individua come imparziale garante. Questo presidente non è imparziale, al contrario fa politica.
      Questa decisione che avete preso è inaccettabile, censoria, degna di un regime stalinista.
      Voi stessi comunicate poco con la base e vi arrogate il diritto di togliere alla stessa l’unica opportunità di raggiungere i propri colleghi.
      Tenere gli associati nell’ignoranza e divisi è certamente una cosa brutta e con questo metodo si rischia di perdere dei pezzi invece che aumentare il consenso.
      Il forum l’ho usato più volte, come valore aggiunto, per far aderire colleghi alla nostra associazione, con questa operazione Voi svuotate, depauperate i Vostri associati.
      Si è parlato tanto di linea di continuità con la politica di Ottorino, che aveva voluto fortemente il forum, al quale aveva dato ampio risalto e che era stata una delle tante idee brillanti che hanno costellato la Sua lunga e lungimirante direzione del settore studi, con questa operazione lo avete offeso.
      Vi invito pertanto a ripristinarlo anche solo in forma limitata, escludendo ogni tema politico, rivedendo il regolamento di partecipazione, ridando comunque l’opportunità agli associati di scambiarsi notizie di servizio, ricerca di colleghi su altre province, confronto sui comportamenti delle Amministrazioni sul territorio nazionale, richiedere informazioni sull’espletamento di una pratica o sulla tenuta del Libro Giornale, comunicare un lutto o anche solo inviare un messaggio di saluto, tutte piccole grandi cose che fanno associazione.
      Parole di un’associata, per altro moderata, proprio questa mattina: in UNASCA siamo entrati in regime dittatoriale!
      Per quel che riguarda il tema politico, in attesa che a Voi venga l’ispirazione, ci pensiamo noi con il blog Network 264 che rivitalizzeremo, snelliremo e renderemo più facilmente accessibile, provvederemo a raggiungere ogni singolo associato per pubblicizzare la nostra iniziativa, da noi si può esprimere chiunque, non cerchiamo consenso, solo dialogo e confronto, perché noi non abbiamo paura, noi siamo la libertà.

      Mauro Roboni

Lascia un commento